Le ragazze sono partite

mameli ragazze2015, cm 14,5×22, pp. 136 € 15,00
ISBN 978-88-8467-918-5

Giacomo Mameli
postfazione di Martina Giuffré

Pietrina, Clelia, Evelina, Maretta, Erminia, Bonaria, Silvana, Carrula, […] sono solo alcuni dei nomi delle tante protagoniste del libro di Giacomo Mameli, ragaz­ze che emigrano in particolar modo da Perdasdefogu, […] verso il continente, a Roma e Milano, a partire dal secondo dopoguerra, per fare “le seraccas” (le serve) presso alcune famiglie benestanti. Il testo è costruito in modo corale, è un intreccio di storie di donne nell’ar­co di più generazioni, che partono e raccontano la loro esperienza migratoria. Un testo polifonico in cui le di­verse voci narranti ci fanno entrare in un mondo tutto femminile, fatto di donne giovani, spesso quasi bambi­ne, forti, coraggiose. […] In questo libro le donne sono narrate come pro­tagoniste. L’autore mostra una non comune capacità di entrare nei mondi femminili, di dar voce alle donne, di umanizzare i personaggi e la narrazione tanto che ci sembra di vivere con Pietrina e con le altre donne den­tro alle loro storie. Mameli si fa così narratore comuni­tario, autore ‘epico’ della voce collettiva.

Dalla Postfazione di Martina Giuffrè

Giacomo Mameli, giornalista (Perdasdefogu, 1941). Saggista e scrittore. Con la narrativa, con Cuec, ha esordito nel 2006 con La ghianda è una ciliegia e nel 2013 con Il forno e la sirena.

Martina Giuffrè, antropologa. Ha lavorato per anni su tematiche migratorie, di genere e sulle fonti orali. Tra le sue pubblicazioni: Donne di Capo Verde. Esperienze di antropologia dialogica a Ponta do Sol, CISU, Roma, 2007.