Storia della Sardegna. Identità e specificità dei Sardi dalla Preistoria ad oggi

ortu-storiaFormato 17×24, pagine 390, Euro 29,00
ISBN: 978-88-8467-986-4

di Leopoldo Ortu

Con saggi di Attilio Mastino, Pietro Meloni,
Gianluca Scroccu

Questo “manuale” sintetizza in modo magistrale e con linguaggio lineare e al tempo stesso colloquiale, in una sorta di ideale dibattito con il lettore, 15 secoli di storia della Sardegna dalla caduta dell’Impero romano d’Occidente ai giorni nostri. La struttura stessa dell’opera e di assoluta semplicità e linearità: tre Parti, ciascuna suddivisa in due capitoli. La Parte 1a è dedicata alla narrazione della storia della Sardegna dalla dominazione vandalica alla fine dei Giudicati, alla dominazione aragonese e al suo trasformarsi in spagnola (secoli V-XVII); la Parte 2a illustra l’età moderna dal periodo spagnolo a quello sabaudo; la Parte 3a comprende una rapida delineazione delle vicende della Sardegna contemporanea dall’Unita d’Italia alla fine del Novecento. Leopoldo Ortu chiude opportunamente il volume con un’appendice metodologica recante passi significativi di alcuni “maestri” della scienza storica e pagine eloquenti di storici giudicate dall’autore a vario titolo di particolare interesse per illuminare momenti particolari della storia dell’isola. Ciò che maggiormente deve interessare nello studio della storia dei popoli, e specificatamente della nostra isola, secondo l’autore, sono gli aspetti “reali” della vita degli uomini, e in tale “realtà”, insieme all’aspetto istituzionale, devono essere “letti”, ossia interpretati con equilibrio e completezza, gli aspetti economici, sociali, culturali, politici e linguistici. Una delle convinzioni più profonde espresse dall’autore in questo “manuale” e che la Sardegna, pur con le sue “specificità”, la sua “identità”, non è mai stata, come non lo e oggi, nel cammino della civiltà, un “corpo separato”, “diverso”, “altro” rispetto agli altri popoli e alle civiltà coeve; non e mai stata, e non e, la “periferia” dell’Europa e del mondo, ma e stata sempre, ed e ancora oggi, nel senso pieno del termine, “contemporanea” agli eventi storici nei quali e vissuta lungo i secoli.
Dalla Prefazione di Luciano Carta

Leopoldo Ortu (Cagliari 1942), una volta conseguita la laurea in Lettere, si è specializzato in Studi Sardi nel 1973. Ha insegnato nei Licei. Come professore associato ha insegnato Storia del Risorgimento e Storia della Sardegna presso la Facoltà di Lettere e Filosofia
e Storia delle istituzioni economiche e giuridiche della Sardegna presso la Scuola di Specializzazione in Studi Sardi. È stato direttore dell’istituto di Storia Moderna. Fra i suoi scritti La schiavitù, “Istituzione peculiare” degli Stati uniti d’America dal 1787 al 1860 (1973), Considerazioni sull’abolizione degli Ademprivi (1981), L’Eco della Sardegna di Stefano Sampol Gandolfo (1998), La questione sarda tra Ottocento e Novecento (2005), Patria, Nazione e Stato tra unità e federalismo. Mazzini, Cattaneo e Tuveri (con C. Ceccuti e N. Gabriele, 2007). Ha curato per gli “Acta Curiarum Regni Sardiniae” Il Parlamento dei Vicerè Giovanni Coloma, Barone d’Elda, 1573-1574 (2004).