Storia dell’arte contemporanea in Sardegna

2009, cm 14×21, pp. 128 € 13,00
ISBN 978-88-8467-510-1 (ill. a colori)

di Luca Vargiu

Alla metà del Settecento si trasformano radicalmente tutti gli aspetti della vita europea. È su questo piano che si misurano anche i problemi di un ritardo storico, vero o presunto, dell’arte e della cultura in Sardegna.

Archeologia preistorica e protostorica in Sardegna

2009, cm 14×21, pp. 88 € 11,00
ISBN 978-88-8467-521-7 (ill. a colori)

di Roberto Sirigu

Il volume intende proporre una breve sintesi della preistoria e della protostoria della Sardegna, ossia dei circa 450.000 anni che precedono la comparsa della scrittura nella storia culturale dell’uomo nell’isola. Per questo lungo periodo la fonte materiale è l’unica a nostra disposizione.

Archeologia Fenicio-Punica in Sardegna

2009, cm 14×21, pp. 128 € 13,00
ISBN 978-88-8467-511-8 (ill. a colori)

di Piero Bartoloni

La civiltà fenicia e punica in Sardegna copre un arco temporale di circa seicento anni, ma le tracce anticipatrici e le eredità culturali abbracciano uno spazio di tempo molto più ampio. I Fenici, profughi, trovarono nell’isola una seconda patria e, pur nel solco dell’arte del Vicino Oriente, ebbero modo di sviluppare testimonianze di arte e artigianato assolutamente originali.

Storia dell’arte moderna in Sardegna

2008, cm 14×21, pp. 120 € 12,00
ISBN 978-88-8467-483-8 (ill. a colori)

di Maria Grazia Scano

La conquista aragonese del 1323 segna l’inizio di un cambiamento epocale per la Sardegna. Da un’arte di tipo italico si passa a un’arte di tipo iberico, che ha nel retablo sardo-catalano la sua forma espressiva più peculiare, per tutto il corso del Quattro-Cinquecento.

Archeologia cristiana e medievale in Sardegna

2008, cm 14×21, pp. 120 € 12,00
ISBN 978-88-8467-481-4 (ill. a colori)

di Rossana Martorelli

Nella storia della Sardegna in età postclassica (dalla dominazione romana ai Vandali, ai Bizantini, ai Pisani e Genovesi e infine ai Catalano-Aragonesi, con un intervallo di alcuni secoli, in cui viene amministrata dai Giudici sardi), la realtà multietnica e multiculturale, influenzata dalla diffusione della nuova religione cristiana, si riflette anche sui monumenti, sulle città e sulla produzione artigianale, legata alla quotidianità.

Archeologia e storia dell’arte romana in Sardegna

2008, cm 14×21, pp. 88 € 10,00
ISBN 978-88-8467-482-1

di Simonetta Angiolillo

Le peculiarità della Sardegna romana, con gli stretti rapporti di carattere sia politico sia culturale che si intrecciano tra vecchi e nuovi governanti e popolazioni autoctone, tra Punici, Romani e Sardi, sono evidenti oltre che sul piano onomastico, linguistico, amministrativo, pure su quello religioso, culturale e artistico.

Storia dell’arte medievale in Sardegna

2008, cm 14×21, pp. 96 € 10,00
ISBN 978-88-8467-480-7

di Roberto Coroneo

La storia della Sardegna medievale è contraddistinta da caratteri originali rispetto a quella del resto d’Italia e d’Europa. Anche la produzione artistica riflette queste particolarità. All’arte tardoantica e bizantina, che riflettono l’allineamento della cultura isolana a quella mediterranea, segue l’arte romanica, che esprime l’autonomia politica dei quattro regni e dà vita a una fioritura architettonica fra le più significative nel panorama europeo.