L’intelligenza dell’autonomia

L'intelligenza dell'autonomia-Ortu-CUEC2018, cm 12×19, pp. 188 € 13,00
ISBN 978-88-9386-072-7
Piccola Biblioteca CUEC

L’intelligenza dell’autonomia. Teorie e pratiche in Sardegna
di Gian Giacomo Ortu

Da qualche tempo c’è chi proclama ad alta voce la morte dell’autonomia e dell’autonomismo, confondendo i destini dell’Istituto regionale sardo con i destini di quel «principio di autonomia» che in Sardegna ha avuto il suo primo e grande interprete in Emilio Lussu. L’intento di questo libro è proprio quello di testimoniare della ricchezza e permanente vitalità della tradizione autonomistica sarda, senza eguali in Italia e forse anche in Europa; ed è anche quello di dimostrare il nesso necessario che deve essere stabilito tra il principio di autonomia nella sua piena valenza popolare e democratica e l’obiettivo di una riforma in senso federale, inclusiva e solidale, dello Stato italiano. Una riforma che non può essere soltanto enunciata o auspicata, ma deve essere preparata e favorita da “pratiche federaliste”, e cioè da azioni di costante messa in discussione del centralismo ad ogni suo livello, europeo, italiano e sardo.

Gian Giacomo Ortu è stato professore ordinario di Storia moderna nelle facoltà di Scienze politiche e di Ingegneria e Architettura di Cagliari. Specialista della storia delle istituzioni giuridiche, economiche e politiche dell’Europa medievale e moderna, è autore di numerose opere, tra le quali Villaggio e poteri signorili in Sardegna (Laterza 1996), Lo Stato moderno. Profili storici (Laterza 2001), La Sardegna dei giudici (Il Maestrale 2005), La Sardegna tra Arborea e Aragona (Il Maestrale 2017). Sui temi dell’autonomia ha prodotto molti saggi, soltanto in parte raccolti nei volumi Storia e progetto dell’autonomia (Cuec 1998) ed Emilio Lussu. L’utopia del possibile (con Giuseppe Caboni, Cuec 2001). Di Lussu ha anche curato il primo volume di Tutte le opere: Da Armungia al sardismo (Aìsara 2008).