La notte di Cagliari. Ventitré storie di cronaca nera

la notte di Cagliari - Deidda2017, cm 13,5×20, pp. 232 € 18,00
ISBN 978-88-9386-044-4
Prospettive/Narrativa

Prefazione di Roberto Randaccio
Foto di copertina di Mario Rosas

di Antonello Deidda

La storia di una città è anche una storia di nera. Una serie di avvenimenti che accadono e diventano parte integrante di un racconto più lungo. Ne succedono di cose a Cagliari a partire dagli anni Ottanta. Delitti. Furti, scippi e rapine, poi attentati e omicidi. Dietro c’è sempre la droga. Un fiume.

In queste pagine l’autore racconta le vite “dannate” dei personaggi, le loro vicende ai margini della normalità, in bilico tra il piattume di una quotidianità banalizzata e il baratro di un’esistenza a rischio, fortemente a rischio. Gente sbandata, delinquenti di professione, uomini sconvolti dalla follia, dalla rabbia, dal rancore, donne travolte da destini drammatici e paradossali. Un’umanità che ci passa a fianco invisibile, che molto spesso non riconosciamo o fingiamo di non vedere, come quei muri dalle scritte e dai colori vivaci. Ci vuole un teppista della parola per scuoterci, per farci aprire gli occhi, per costringerci a guardare. […] Il tutto con qualche rapida digressione di costume e di colore locale (un procedere digressivo cui ci aveva già abituato nei suoi precedenti volumi “memorialistici”: Eravamo giovani nel 67; Un’estate sudamericana).

Dalla Postfazione di Roberto Randaccio

Antonello Deidda, cagliaritano, è giornalista professionista, sportivo e calciofilo fin da piccolo, appassionato dei fatti di cronaca intorno alla sua città e appassionato di calcio, tifoso del Cagliari, cultore della musica di fine anni Sessanta. Questo è il suo sesto libro. Con la CUEC ha pubblicato; Eravamo giovani nel 1967 e Un’estate sudamericana.